Iosonobellezza.it per accedere ai suoi contenuti bisogna iscriversi.

Home Natura Fiori e piante Zantedeschia Aethiopica

Zantedeschia Aethiopica

PER ACCEDERE AI CONTENUTI DEL SITO IOSONOBELLEZZA BISOGNA ISCRIVERSI A PARTIRE DAL 10 DICEMBRE 2020

 

Zantedeschia Aethiopica

 

 

La Zantedeschia Aethiopica è una pianta perenne originaria dell’Africa, appartenente alle Araceae. Giunta in Italia a metà del XVIII secolo è nota più comunemente come Giglio del Nilo o Calla.

Il nome che le è stato attribuito, ricorda il botanico italiano Giovanni Zantedeschi (1773-1846).

E’ una pianta destinata all’uso ornamentale, infatti può essere coltivata in vaso come in giardino e fungere da bordatura per pavimenti esterni e selciati, o decorazione di laghetti, ecc. Può essere coltivata in serra per la produzione dei fiori a fini commerciali.

La Calla può essere di vari colori ma la più comune è quella di colore bianco.

Il nome Calla deriva dal greco kalos, cioè bello, infatti la calla simboleggia la bellezza (è detta appunto il fiore della bellezza per la sua semplicità e la finezza della sua forma).

La Zantedeschia aethiopica (ossia la Calla), è una pianta monoica, alta circa un metro, ha foglie grandi sempreverdi o decidue. Il fiore fa la sua comparsa nei mesi primaverili ed estivi ed è composto da una lunga spata a forma d’imbuto di colore bianco, e da uno spadice eretto di colore giallastro.

 

La Calla più comune dal fiore bianco

 

La Calla può essere coltivata in giardino o in vaso e richiede un terreno piuttosto umido e temperature pressoché miti. Gradisce l’irradiazione solare non diretta ed anche i luoghi a mezza ombra. L’annaffiatura deve essere maggiore nei mesi di fioritura (primavera ed estate) e meno costante nei mesi invernali.

Per moltiplicare la pianta vanno usati i bulbi da interrare nei mesi autunnali a 10 cm di profondità e ad una distanza di 40 cm l’uno dall’altro (prima che la pianta fiorisca, per la prima volta da quando si sono interrarti i bulbi, possono trascorrere anche due anni).

Se ingerita è tossica sia per l’uomo che per gli animali: essa può causare nausea e diarrea. In alcuni casi, il solo contatto con la pelle, può generare dermatiti e bruciori.

 

La spata e lo spadice della Calla

 

La pianta può essere aggredita dalla cocciniglia cotonosa e dal ragnetto rosso che possono essere eliminati con l’uso di acaracidi.

La famiglia Zantedeschia comprende le seguenti specie:

Zantedeschia Aethiopica

Zantedeschia Albomaculata o Tropicalis

Zantedeschia Elliottiana

Zantedeschia Macrocarpa

Zantedeschia Oculata

Zantedeschia Pantlandii

Zantedeschia Rehmannii

Zantedeschia Nelsonii

 

Alcune foto della Zantedeschia

 

Calla dai fiori rossi

 

Calla dai fiori fucsia

 

Calla Picasso

Le varietà Picasso hanno diverse sfumature che vanno dal blu al viola, ecc.

 

 

Fabio Bergamo

 

Tra i sostenitori compaiono:

 

 

 

 

Attenzione: Se i soggetti o gli autori delle immagini utilizzate in questo articolo riconoscessero una violazione di copyright potranno segnalarlo alla redazione, che provvederà prontamente alla rimozione delle stesse.

 

 

Previous articlePneumatici Runflat
Next articleCome parcheggiare

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Monterosso: L’ Infinito nell’immediato, lo spazio nel tempo

ARTICOLO IN ANTEPRIMA, PER ACCEDERE AI CONTENUTI DEL SITO IOSONOBELLEZZA BISOGNA ISCRIVERSI A PARTIRE DAL 10 DICEMBRE 2020   “Monterosso” La Resurrezione del tempo e la giustizia...

Sono in tanti a lavorare….ma proprio tanti!

  Sono in tanti a lavorare…. ma proprio tanti ! Ma vediamo in che modo ed a quale scopo nella risoluzione dei problemi   Volti anonimi privi di...

Safety for Bikers

ARTICOLO IN ANTEPRIMA, PER ACCEDERE AI CONTENUTI DEL SITO IOSONOBELLEZZA BISOGNA ISCRIVERSI A PARTIRE DAL 10 DICEMBRE 2020   “SAFETY FOR BIKERS”     A pochi mesi dalla sua...

Car Wrapping: scopriamo cos’è

ARTICOLO IN ANTEPRIMA, PER ACCEDERE AI CONTENUTI DEL SITO IOSONOBELLEZZA BISOGNA ISCRIVERSI A PARTIRE DAL 10 DICEMBRE 2020   Car Wrapping: scopriamo cos’è.   Da alcuni anni nel...

Recent Comments